Io prima di te


1 min letti
05 Jul
05Jul

Buongiorno lettori, oggi vi parlo di un libro, che ha fatto straparlare di sé. Io prima di te. Lo conoscete? Ma certo che lo conoscete. Oltre al libro, ne è uscito anche un bellissimo film apprezzato da milioni di lettori e non. 

Ma iniziamo dal principio. 

La scrittrice Inglese, Jojo Moyes ha pubblicato questo libro, nel 2013. 

Ma avendo molto successo, ha poi continuato la saga con "Io dopo di te." E ancora "Sono sempre io." 

Ovviamente li ho letti tutti e tre, devo dire che il primo è quello che mi è piaciuto di più, gli altri due sono stati un vero e proprio strascico, a mio parere, di un onda da cavalcare. Detto questo, sono comunque apprezzabili. 

Ma torniamo al libro di cui vi parlo oggi. 

Io prima di te, è un libro che lascia il segno.

Non convenzionale, scritto molto bene, cattura il lettore sin dalle prime righe e non si ha pace finché non lo si legge tutto.

La storia d'amore è solo un mezzo - molto ben riuscito - per affrontare con delicatezza un tema molto difficile: la morte assistita, un argomento complesso che l'autrice affronta con grande maestria, facendo riflettere il lettore sul diritto del malato all'eutanasia, il suo riconoscimento solo in alcuni paesi, i problemi legali che comporta in altri, la difficoltà di accettazione da parte dei famigliari del malato che compie una scelta così drastica eppure liberatoria. 

Un libro profondo, mai scontato, che ti rimane dentro la testa per giorni e giorni..

Vale davvero la pena di leggerlo, non perché - come hanno scritto alcuni, "fa piangere" - ma perché fa riflettere con la mente e con il cuore sul bene più prezioso che abbiamo: la vita. 

Vi lascio la trama del libro. 

Louisa Clark ha ventisei anni e lavora come cameriera in un locale nella piccola località turistica in cui vive; è fidanzata da sette anni con Patrick, un ragazzo che però sembra non averle rapito totalmente il cuore, crede di avere alcune certezze nella vita, ma ignora che presto le perderà.Dall’altra parte, il trentacinquenne ricco e indaffarato Will Traynor, a causa di un incidente, è costretto a rivedere tutta la sua vita. Tutto quello che faceva diventa passato, impossibile ritrovare la gioia di vivere, la bellezza delle sue giornate sempre impegnate tra lavoro e vita privata. Louise viene assunta dai genitori di Will per far assistere, ma sopratutto per cercar di fargli cambiare idea al figlio riguardo all'eutanasia. Louise ha solo 6 mesi di tempo per riuscire nell'intento dei genitori. Riuscirà? 

Vi lascio, a voi, nella lettura o nella visione del film, ne rimarrete affascinati ne sono certa. 

Oggi più che mai w la vita sempre, buona domenica a voi tutti. 

Audrey 

19Jun
Commenti
* L'indirizzo e-mail non verrà pubblicato sul sito Web.